Menu
BLOG / Kazakhstan / Pensieri / Siberia / Studi storici / Trekking

Prima di un viaggio negli Altai

Sono in un bellissima chat su ws dove si parla degli Altai. E allo stesso tempo sono sconvolta, dei vandali hanno pensato bene di dipingere con delle stupide facce e di azzurro uno dei luoghi locali. Poi dopo poco vedo delle ragazze in costume da bagno postare foto in montagna, e un po’ mi viene da ridere e sorrido poi penso, ma cosa stanno facendo… e iniziano a piovere insulti e preoccupazioni in chat, la maggior parte della gente del posto si chiede “ma voi andreste nudi o in costume da bagno in chiesa?” e torno a ripensarci, ripenso che siamo in Altai ed è un luogo sacro ed un gesto un po’ sconsiderato a cui non avevo pensato, mi ricordo quando un prete guardo’ la mia minigonna in chiesa mentre lavoravo come fotografo e mi butto’ fuori perchè secondo lui era troppo corta, all’epoca ne fui molto arrabbiata, poi oggi ripensandoci tuttosommato non aveva cosi’ torto, non tanto per la formalità ma piu’ per la situazione e il rispetto nei confronti di alcune regole che andrebbero rispettate.
Vi lascio alla lettura di questa magnifica regione, ad alcune credenze, consigli e regole valide per tutti i viaggiatori presenti e futuri.

Quando si viaggia in Gorny-Altai bisogna ricordare che la natura è la manifestazione di Dio. Tutti i passaggi, fiumi e laghi sono sacri. Picchi di montagna, colline, ghiacciai. Tutti hanno i loro nomi in lingua Altai. Ogni cosa ha i suoi maestri spirituali.

I siti naturali sacri hanno un valore ecologico e spirituale. Il valore spirituale è l’habitat di Алтай ээзи (Spirito degli Altai), che è il maestro di tutti gli oggetti naturali sacri. Il valore ecologico è un biotopo chiave che ripristina e regola l’ecosistema nell’area di questo sito. È importante sapere che un meccanismo di difesa autonomo è incorporato in un oggetto naturale sacro. Lui, difendendo la sua immunità, punisce l’autore del reato (il cosiddetto principio del boomerang o karmico ).

Gli oggetti naturali particolari o “anormali” sono luoghi di concentrazione di energia negativa che hanno un effetto dannoso sulla salute psico-fisiologica di una persona, per esempio nella “Frattura in terra” o Turgaktu jer tra i monti Altai, una persona lì è la più vulnerabile, energicamente disarmata. La gente dice che questo è il posto per dove i diavoli vengono chiamati…. è una cattiva idea anche per una breve sosta, per riposarsi, alloggiare o raccogliere erbe.

In Altai c’è una lago chiamato lago nero degli spiriti (Eelu kara kol). Di solito un tale lago è senza fondo e molto salato, qui non si puo’ nuotare, passare la notte sulla sua riva e costruire alloggi, pescare.
Nel lago c’è parecchio acido solfidrico mentre il lago (Kara jarlu kel) contiene mercurio, non si puo’ bere e nuotare da esso, riposare, passare la notte, costruire alloggi sulla sua riva.

Queste sono alcune delle caratteristiche naturali degli Altai, l’etnocultura di Altai, che storicamente formava una regolamentazione unica del rapporto tra Natura e uomo. Ogni luogo è sacro, particolare ed ha un suo perchè.

A seguito alcune informazioni utili, credenze, regole e curiosità sulla regione degli Altai, da me tradotta dal Russo, di scritti di persone locali nella regione Siberiana.


Il rito di Altai Eezi

Questa cerimonia offre a una persona l’opportunità di ripristinare o guarire l’anima e il corpo, ricaricare con energia positiva e riprendere se stesso. Durante un anno Altai eezi può essere venerato due volte (in tarda primavera e in autunno), cioè dalla luna nuova di maggio alla luna nuova di novembre. Il resto dei mesi è tabù, perché le porte degli Altai sono chiuse. Durante il mese lunare, il momento più ottimale per la cerimonia va dall’ottava fase della luna nuova all’ottava fase della luna vecchia. È vietato eseguire la cerimonia dall’ottava fase della vecchia luna a 3 fasi della luna nuova. Prima e dopo la cerimonia, una persona è obbligata a osservare un digiuno rigoroso per molti giorni, limitandosi a cibo, bevande e comunicazione. È vietato svolgere la cerimonia per le persone i cui parenti sono morti e non hanno superato il memoriale per i defunti 40 giorni o 1 anno.


Il Jalama

Il rito di adorazione di oggetti naturali sacri è costituito da 9 tappe, oltre al rito di adorazione dei passi, che consiste di 6 tappe. Una delle nove (sei) fasi del rituale è la fase di legare Jalam. Jalama {Tjalama} – il soggetto della cerimonia, costituito da due nastri di tessuto bianco. Sono legati su rami di alberi del Mondo Superiore (cedro, larice, betulla, abete, ) o Obotash (mucchio di pietre). L’uomo, come capo della famiglia, ha il diritto di determinare il Jalam per i suoi familiari. Anche le donne sole che hanno raggiunto la menopausa hanno il diritto di definirla. La lunghezza del Jalam dipende dalla lunghezza del braccio della persona che lo determina.
Il Jalama è legato ad un albero quando una persona osserva tutte le fasi del rituale di adorare lo Spirito di Altai. NON legare Jalama senza osservare l’intero rito. Questo è un atto di profanazione.


Cosa non bisogna assolutamente fare negli Altai:

– Non dovresti gettare rifiuti da nessuna parte. Se non è presente un contenitore dell’immondizia, portalo al villaggio più vicino. I tuoi avanzi memorizzano la tua energia. E se i tuoi detriti rimangono in superficie, la tua energia rilasciata viene prelevata dagli spiriti locali, dove l’hai lasciata. Le basse vibrazioni della tua anima attirano lo stesso.

– Non costruire piramidi di pietra. Alle donne è vietato toccare le pietre con le mani per la costruzione di eventuali strutture rituali. Le pietre succhiano tutta l’energia delle donne. Se sei un uomo e non sei uno sciamano, è severamente vietato! Ricorda!

– E’ vietato legare nastri rituali agli alberi. Sono legati una volta nella vita a una richiesta molto, molto grande ad altri mondi sulla questione della vita e della morte. Ricorda!

– E’ vietato dipingere sulle pietre, mentre invochi la negatività nella tua vita. Disegnare sulle pietre si riferisce alla vita di sepoltura e al mondo malvagio ultraterreno.

– Non essere fotografato nudo o seminudo sullo sfondo della natura. Ciò equivale a entrare in una chiesa nuda o seminuda. Ciò che hai inviato in montagna ritorna mille volte. Le vibrazioni del mondo sottile sono molto alte qui.

– Nei corsi d’acqua che scorre, le sorgenti, le cascate non puoi lavarti. L’acqua porta via la tua energia con essa, non navigare su una barca o altra attrezzatura galleggiante nei fiumi, questi sono imbuti di energia che ne assorbono la tua.

– Cogliere fiori. I residenti locali sono molto sensibili alla fauna selvatica, in quanto è una manifestazione del potere divino di Altai Kudai. Salva gli Altai per i tuoi discendenti e non portare via nulla.

– Tagliare frammenti di pietre dai dipinti rupestri. I dipinti rupestri sono una rappresentazione degli altri mondi degli antichi che vivevano in Altai. Molti di loro sono associati al mondo della sepoltura. Sulla rinascita dell’anima in altri mondi. Ricorda: Altai è un tempio., tratta con rispetto la natura così com’ è viva, mantieni pulito.

Vi lascio ad alcune meravigliose fotografie, preserviamo la natura ed uno dei pochi luoghi sacri rimasti al mondo:

No Comments

    Leave a Reply